Roma-Inter 1-3. Superbo Icardi. Crollo giallorossi dopo vantaggio

Impresa Inter che passa all’Olimpico 3-1 con una doppietta di Icardi nel terzo anticipo della seconda giornata del campionato di serie A. A passare in vantaggio è la Roma di Dzeko al quarto d’ora del primo tempo su assist di Nainggolan, poi i giallorossi colpiscono tre pali prima della furia Icardi autore di una doppietta nella ripresa prima con un destro dopo assist di Candreva al 67′ e poi dopo 10 minuti su assist di Perisic. Nel finale, all’87’, il sigillo di Vecino in contropiede per una vittoria troppo pesante per quanto fatto vedere dalla Roma di Eusebio Di Francesco. Contento Spalletti fischiato al suo ritorno a Roma: “Contento perché l’Inter ha continuato a seguire l’idea di calcio di cui stiamo parlando dall’inizio. Icardi? Con Dzeko è l’attaccante più forte del campionato. Dzeko forse è anche più tecnico mentre Mauro è più cattivo per andare nello spazio. Ha proprio questa qualità, la determinazione”. Ce n’è anche per la Var: “Il fallo su Perotti? Per me non è rigore. Lui va per intercettare il pallone. non prende la palla ma non è che provochi difficoltà enormi a Perotti. E’ un episodio di cui si può discutere ma per me non è rigore”. Di Francesco non ci sta: ha visto la sua Roma dominare per 70 minuti e poi uscire sconfitta. E anche un netto rigore negato a Perotti, col Var che non corregge l’errore di Irrati: “La cosa assurda è stata dare corner – dice – Skriniar la palla proprio non la tocca. Non alleno più il Sassuolo e mi aspettavo più attenzione, più tutela da parte degli arbitri. Detto questo, abbiamo fatto una grande partita per 70′. Abbiamo preso 3 pali e messo in grande difficoltà l’Inter”.

10notizie.it e’ disponibile a pubblicare i vostri commenti scrivendo a commenti@10notizie.it. Saranno presi in considerazione i testi che non superino i 140 caratteri e che siano corredati da nome e cognome, indirizzo mail e numero di cellulare telefonico. Non saranno oggetto della nostra attenzione i testi contenenti parti offensive, illegali o lesive della dignità personale.