Partiti. Da Sgarbi e Tremonti ‘Rinascimento’, ripartire da cultura

Vittorio Sgarbi e Giulio Tremonti lanciano il loro movimento, si chiama Rinascimento e intende “rifondare” l’azione politica con “un partito che abbia riferimenti alti alla cultura italiana”, come spiega il critico d’arte e polemista in conferenza stampa al Senato. In vista del voto quali alleanze? “Se questa legge elettorale (il Rosatelum bis, ndr) passa si sara’ costretti a discutere i collegi uninominali”, dice Sgarbi. A margine il senatore Paolo Naccarato (Gal), coordinatore politico nazionale di Rinascimento aggiunge: “Se la legge elettorale ci obbliga a fare coalizioni, nei collegi valuteremo sul momento con chi coalizzarci”. Il nome e’ stato scelto, spiega Sgarbi, perche’ nella necessita’ di “liberarsi di un potere cieco” si fa riferimento “a un mondo in cui l’uomo e’ protagonista, ed e’ il Rinascimento italiano”. Dobbiamo difendere “quello che e’ il nostro petrolio”, prosegue, la cultura e il patrimonio italiano, “in stato di abbandono criminale”. La bellezza, auspica Sgarbi, “sara’ difesa dallo Stato” e segnalando “l’idea cardine” e “riferimento costituzionale” del nascente partito annuncia l’intenzione di proporre “la mia riforma costituzionale” che prevede di “inserire la bellezza accanto al lavoro nell’articolo 1 della Costituzione”. Non solo, il critico pensa anche a “un ministero del Tesoro dei Beni culturali sul quale investire quanto nella Difesa”.

10notizie.it e’ disponibile a pubblicare i vostri commenti scrivendo a commenti@10notizie.it. Saranno presi in considerazione i testi che non superino i 140 caratteri e che siano corredati da nome e cognome, indirizzo mail e numero di cellulare telefonico. Non saranno oggetto della nostra attenzione i testi contenenti parti offensive, illegali o lesive della dignità personale.