Biologi. Vincenzo D’Anna eletto presidente Ordine nazionale

E’ ufficiale: Vincenzo D’Anna, senatore di ALA-SC (Alleanza LiberalPopolare Autonomie-Scelta Civica), membro della commissione Igiene e Sanita’, e’ stato eletto all’unanimita’ presidente dell’Ordine Nazionale dei Biologi. Nella riunione tenutasi questa mattina al Ministero di Grazia e Giustizia, il neo insediato Consiglio dell’Ordine, presieduto dal commissario Luigi Scotti, ha scelto di affidare al parlamentare di origini casertane la presidenza dell’ente di via Icilio. La carica di vice presidente e’ stata assegnata, invece, a Pietro Miraglia, quella di tesoriere a Pietro Sapia; nuovo consigliere segretario e’ stato designato Duilio Lamberti. Per quanto concerne le deleghe per il Consiglio Nazionale, presidente e’ stato eletto Erminio Torresani, vice presidente Maurizio Durini, tesoriere Raffaele Aiello e consigliere segretario Imma Di Biase. Il senatore D’Anna, lo ricordiamo, lo scorso 4 novembre, era entrato nel Consiglio dell’Ordine risultando primo degli eletti con 1..619 voti su 3.580 votanti. La “sua” lista – “Biologi insieme per il rinnovamento” – si era aggiudicata nettamente le votazioni per il rinnovo degli organi direttivi dell’Ordine, conquistando nove membri su nove al Consiglio dell’Ordine e 15 su 15 al Consiglio Nazionale. “Ringrazio enormemente tutti i biologi per la fiducia accordatami” ha detto il neo presidente. “Il successo raggiunto nella competizione elettorale dal gruppo che rappresento mi gratifica molto – ha aggiunto – perche’ significa che la categoria ha accolto con entusiasmo il nostro programma elettorale e tutti i suoi obiettivi, che raggiungeremo puntualmente”. “Lavoreremo con i biologi a favore dei biologi – ha concluso D’Anna – e garantiremo la trasparenza degli atti e delle disposizioni che il nuovo Consiglio adottera’, affinche’ gli iscritti siano sempre aggiornati sul nostro operato”.

10notizie.it e’ disponibile a pubblicare i vostri commenti scrivendo a commenti@10notizie.it. Saranno presi in considerazione i testi che non superino i 140 caratteri e che siano corredati da nome e cognome, indirizzo mail e numero di cellulare telefonico. Non saranno oggetto della nostra attenzione i testi contenenti parti offensive, illegali o lesive della dignità personale.