Sconfiggere la disinformazione populista? Una stampa libera e politici seri e competenti

Carriere politiche che nascono da bufale mai smontate, proclami di segretari di partito che si fondano sul Nulla, numeri e dati che vengono snocciolati come se fossero passi del Vangelo e che si rivelano autentiche castronerie senza alcun fondamento. E’ la gara sempre aperta alla quale in Italia, ormai da anni, assistiamo senza reagire. Non è tempo per verità scomode, per i sacrifici che la realtà impone con la sua complessità. Gli elettori premiano chi li fa sognare, promettendo paradisi di ogni genere, riuscendo a nascondere la polvere della crisi sotto il tappeto delle convenzioni, del calcolo e dell’apparenza. Il mestiere del populismo, del resto, in questo consiste: sparare cazzate a intervalli regolari, alimentare complotti e prefigurare nemici agguerriti e catastrofi imminenti. In un contesto come questo, ci sarebbero praterie immense per una informazione libera, indipendente e autorevole che voglia sgranchirsi le gambe per percorrerle in tutta agilità, distruggendo quel castello di fake news che la demagogia populista ci propina quotidianamente, anche e soprattutto sul web e attraverso i social media. C’è inoltre ancora spazio oggi per una politica moderata, competente, che argomenti e proponga una ricetta vincente? Si, ma è una battaglia difficile che richiede impegno e una chiamata alle armi di tutti coloro che, al di là del colore politico, vogliano unirsi contro l’ignoranza al potere, i razzismi e gli autoritarismi 

10notizie.it e’ disponibile a pubblicare i vostri commenti scrivendo a commenti@10notizie.it. Saranno presi in considerazione i testi che non superino i 140 caratteri e che siano corredati da nome e cognome, indirizzo mail e numero di cellulare telefonico. Non saranno oggetto della nostra attenzione i testi contenenti parti offensive, illegali o lesive della dignità personale.