Cose di Sicilia

Resta sotto sequestro il Muos, stazione di trasmissione militare Usa che si trova a Niscemi, in provincia di Caltanissetta. Il Tribunale di Caltagirone ha rigettato la richiesta di dissequestro presentata dall’avvocatura dello Stato su richiesta del ministero della Difesa, ritenendo valide le motivazioni per il sequestro determinate dall’insistenza della stazione in un’area ambientale a inedificabilità assoluta. Le richieste di mantenimento dei sigilli avanzate dal procuratore di Caltagirone, Giuseppe Verzera, sono state accolte dal giudice Cristina Lo Bue e dell’avvocato Goffredo D’Antona in rappresentanza dall’ associazione antimafie “Rita Atria”.

Il Trapani vince anche in casa contro lo Spezia (2-0) e ora aspetta la vincente tra Pescara e Novara, contro la quale si giocherà la promozione in serie A. La formazione di Cosmi si impone con un rigore realizzato da Scozzarella al 13′ della ripresa e con il raddoppio di Citro al 90′.
Nel secondo tempo la gara si fa in discesa per i granata grazie al rigore concesso per il fallo di Chichizola su Coronado. Poi i siciliani controllano il match fino al 2-0 di Citro nel finale. Ora al Trapani, in virtù del miglior piazzamento in classifica generale, basterà un doppio pareggio per approdare in Serie A

Almaviva Contact conferma la firma dell’accordo anticipata dai sindacati. Intesa raggiunta al Ministero, il gruppo ritira i tremila licenziamenti annunciati. Gli esuberi saranno gestiti con ammortizzatori sociali per 18 mesi accompagnati da una riduzione progressiva della solidarieta’. Ci sara’ inoltre una verifica mensile della situazione produttiva e occupazione dell’azienda in sede istituzionale. Almaviva Contact parla di “una sfida condivisa con Governo e sindacati per riportare lavoro e produttivita’ nelle sedi di Roma, Napoli e Palermo”. In questa vicenda e’ stato “decisivo l’impegno del Governo per l’intesa”

Il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, ripreso mentre fuma indisturbato all’interno dell’aeroporto Falcone-Borsellino di Palermo. Nonostante il divieto. Con lui il senatore Pd Beppe Lumia che non lo invita a spegnere la sigaretta.

video disponibile su pagina facebook 10notizie

La segreteria aziendale del Sindacato DIRSTAT apprende, da articoli di stampa, che al Direttore Generale dell’ASP di Palermo Antonino Candela sarebbe stato attribuito dall’AGENAS (su incarico dell’Assessorato Regionale della Salute) un punteggio di valutazione “intermedia” che lo porrebbe all’ultimo posto della “graduatoria” dei Direttori Generali delle Aziende sanitarie ed ospedaliere della Regione Siciliana. Non conosciamo nello specifico quali siano stati i criteri utilizzati per stabilire chi sia il migliore o il peggiore, ma sappiamo quello che ha fatto il Direttore Generale Candela e le strategie adottate per la lotta al malaffare ed i risparmi per le casse dell’Azienda (revoca e reindizione di appalti milionari, internalizzazione delle commissioni invalidi civili, ecc.), le concrete iniziative in favore dei cittadini (cambio medico on line, referti on line, prestazioni di medicina preventiva erogate direttamente nelle piazze dei comuni, e tanto altro ancora).

Il Consiglio di Giustizia Amministrativa ha accolto il ricorso presentato dal Comune di Palermo contro la decisione del Tar che aveva stoppato l’avvio delle Ztl. Tuttavia i giudici invitano l’Amministrazione comunale ad essere prudente e ad attendere la decisione di merito del Tribunale Amministrativo Regionale. L’udienza é fissata per il nove novembre. Alla luce del verdetto del Cga il sindaco Leoluca Orlando ha convocato una giunta politica per decidere come procedere. “Il Comune e l’Amat – spiega Orlando – hanno risposto ad una legittima azione giudiziaria con una altrettanto legittima azione giudiziaria sulla Ztl. Mai abbiamo commentato, se non nelle sedi, nei toni e con i metodi opportuni, quanto dichiarato dai ricorrenti e certamente non commenteremo oggi, soprattutto per non scadere ai livelli di inutile e volgare polemica e di insulti personali cui qualcuno si é abbandonato nelle scorse settimane”.

Marco Sacchi, giornalista-operatore della sede Rai Sicilia ha perso la vita nell’incidente avvenuto in via Castelforte a Palermo. Sacchi, 61 anni, era a bordo dello scooter della moglie e si e’ scontrato con una automobile. 10notizie formula le condoglianze alla famiglia e ne ricorda, avendolo conosciuto, la professionalita’ e il garbo

Tras

Un progetto per funivia Stretto di Messina Metro leggera sospesa a 70 metri dal mare. Sicilia e Calabria potranno essere collegate dalla funivia. Il progetto é realizzato dall’ingegnere Achille Baratta e dal progettista strutturale Massimo Majowiecki. La Funivia Stretto di Messina altro non sarebbe che una metro leggera sospesa in aria a 70 metri dal livello del mare che permetterebbe di arrivare dall’aeroporto di Reggio Calabria fino alla stazione marittima di Messina in soli 15 minuti, come riportato dal Corriere del Mezzogiorno. Realizzazioni simili sono gia’ state fatte nel resto del mondo. Infatti il sistema di trasporto aerobus, che consiste in carrozze motorizzate alimentate da energia elettrica sospese a un cavo, e’ stato gia’ collaudato in Svizzera nel 1974 e reso operativo per 6 mesi nella citta’ di Mannheim in Germania dove ha trasportato 2,2 milioni di persone. Negli ultimi anni, poi, sono stati progettati sistemi di aerobus per le citta’ cinesi di Chongqing e Weihai e per la Malacca Aerorail. Dallo studio dell’attraversamento che e’ di circa 3 chilometri e mezzo si e’ passati a quello del territorio intervenendo su entrambe le sponde con 40 punti d’appoggio, ossia 40 fermate, comprese tra la stazione marittima di Messina e l’aeroporto di Reggio Calabria, che ovviamente si trova sull’altra sponda.

Presso la Real Cantina Borbonica di Partinico, in provincia di Palermo e’ stata posta la prima pietra per la costituzione del Consorzio Olio Igp Sicilia. L’iniziativa é della delegazione palermitana della Confederazione italiana agricoltori. La proposta vuole raggiungere un obiettivo, quello di riunire in un solo organismo tutta la filiera siciliana – produttori, frantoi, imbottigliatori e distributori – per poter sfruttare il recente riconoscimento avuto dall’Unione Europea, ed é stata promossa nel corso del convegno “Olio Igp Sicilia, un’opportunita’ di crescita”.
Il valore medio della produzione siciliana di olio di oliva negli ultimi anni, secondo i dati della Regione siciliana, e’ stato di 160 milioni di euro; sono 350 mila le tonnellate di olive prodotte, 50 mila quelle di olio. Di questo il 15% e’ destinato all’autoconsumo, il 45% al mercato regionale, il 30% a quello nazionale e solo il 10% all’export.