vertice bilaterale

L’Alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Federica Mogherini, ha iniziato la visita in India rendendo omaggio al Mahatma Gandhi presso il memoriale Raj Ghat a Nuova Delhi.
La Mogherini si trova nella capitale del paese asiatico per il vertice Ue-India, un evento dedicato al rafforzamento del partenariato strategico bilaterale. Durante l’incontro si prendera’ atto dei progressi compiuti nell’attuazione dell’agenda Ue-India per il 2020, approvata lo scorso anno, che delinea gli obiettivi per le aree di cooperazione bilaterale, come politica estera e di sicurezza, commercio, temi di carattere globale oltre che contatti tra la popolazione dell’Unione europea e quella indiana. Al vertice, che si terra’ in concomitanza del 50mo anniversario dell’avvio delle relazioni diplomatiche bilaterali, l’Unione europea sara’ rappresentata dal presidente del Consiglio Ue Donald Tusk e dal presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, mentre per l’India sara’ presente il primo ministro Narendra Modi.
Diversi i temi sul tavolo. Per quanto riguarda il punto sicurezza, i leader dovrebbero discutere gli sviluppi negli sforzi congiunti per il contrasto del terrorismo, inclusa la lotta all’estremismo violento e alla radicalizzazione. Le due parti intendono approfondire la cooperazione sulla sicurezza marittima, nel contesto degli scambi gia’ in atto per il contrasto alla pirateria, oltre che all’interesse dell’India di scortare le navi del Programma alimentare mondiale nel Golfo di Aden, a sostegno dell’operazione Atalanta dell’Ue.
I leader passeranno anche in rassegna i passi intrapresi per rilanciare i negoziati per un accordo di libero scambio onnicomprensivo e che rechi benefici a entrambe le parti. Il vertice dovrebbe anche accogliere positivamente il lancio di un meccanismo per facilitare gli investimenti dell’Ue in India, e il forte impegno della Banca europea degli investimenti (Bei) nel paese, in particolare nel settore dell’energia rinnovabile e del trasporto urbano. E’ prevista, infatti, la firma di un accordo di finanziamento della Bei per lo sviluppo del trasporto urbano in India. Entrambe le parti dovrebbero inoltre confermare la loro determinazione a continuare a lavorare insieme per creare opportunita’ per le imprese europee e indiane. I leader dovrebbero anche adottare una dichiarazione congiunta su clima, energia e sviluppo urbano. Si punta infatti al rafforzamento della cooperazione Ue-India in queste aree. Il vertice dovrebbe potenziare la cooperazione nel campo della ricerca e dell’innovazione, con la firma di un accordo per facilitare le opportunita’ per i giovani ricercatori oltre che per rafforzare la collaborazione nel campo della ricerca.
Il vertice di Nuova Delhi dovrebbe inoltre rafforzare il ruolo dell’Ue e dell’India in quanto partner per la pace, per la stabilita’ e la prosperita’ nell’attuale contesto d’incertezza a livello globale. Entrambe hanno infatti una posizione di leadership nella lotta alle sfide mondiali, sulla base di valori condivisi, interessi comuni, del multilateralismo, della diversita’ e di un ordine internazionale basato sul diritto. Nella discussione sui temi globali, i leader dovrebbero promuovere una cooperazione rafforzata nel quadro del G20 per raggiungere una crescita economica forte, sostenibile ed equilibrata a beneficio dei cittadini. In materia di clima, il vertice confermera’ l’impegno dell’Ue e dell’India verso gli accordi di Parigi e per la loro piena attuazione. Si riaffermera’ l’importanza degli sforzi congiunti volti a realizzare gli obiettivi di sviluppo sostenibile promossi dalle Nazioni Unite (Onu). Al vertice si parlera’ anche di immigrazione e mobilita’, inclusa la crisi dei Rohingya e il lavoro sui migration compact. In materia di politica estera, invece, i leader discuteranno degli sviluppi nel vicinato dell’Ue e dell’India, compresa la situazione nella penisola coreana, gli ultimi sviluppi in Ucraina, la situazione in Afghanistan e la cooperazione Ue-India nell’Oceano indiano e in Africa. Non e’ da escludersi anche una discussione sull’Iran, sulla Siria e sul processo di pace in Medio Oriente.
Secondo quanto riporta il sito online del quotidiano indiano “Hindustan Times”, il vertice potrebbe ridare slancio ai legami bilaterali Ue-India e a fornire una nuova direzione ai negoziati per l’accordo di libero scambio. Il quotidiano ricorda che l’economia dell’eurozona e’ tornata a crescere (si prevede per il 2017 un incremento del 2,2 per cento del Prodotto interno lordo-Pil), e che l’Unione europea e’ il piu’ grande partner commerciale dell’India, con 100 milioni di dollari di scambi in beni e servizi. Rispetto al deficit che sia l’India e l’Ue hanno con la Cina, il commercio euro-indiano e’ bilanciato. Secondo il quotidiano, il summit di Nuova Delhi potrebbe rilanciare i negoziati sull’accordo per gli scambi e gli investimenti