Scontri in piazza dei no green pass: un pretesto per protestare

Le immagini forti degli scontri che si sono registrati a Roma in occasione della manifestazione dei no green pass sono ancora impresse nella nostra mente. Poliziotti accerchiati e picchiati, la sede della Cgil presa d’assalto dagli estremisti, urla, spintoni grida, uomini che cadono a terra e che vengono pestati. E’ chiaro che il diniego di sottoporsi ai vaccini e l’impossibilità di esibire il green pass é solo un pretesto per contrastare la democrazia, la pace sociale e creare tensioni, conflitti, disordine. Le frange del movimento di estrema destra Forza Nuova, con i suoi capi in bella mostra a dirigere gli assalti, sono solo un altro indizio della strumentalità della situazione. Non ci troviamo in alcuna dittatura, né militare, né sanitaria. Se cosi fosse questi signori verrebbero arrestati o uccisi. E invece, in modo legittimo, possono manifestare il loro pensiero ed esternare il loro dissenso. Detto questo, auspichiamo che venga usato il pugno duro contro queste violenze che sono inaccettabili. Nessuna tolleranza. Nessun alibi. Nessuna indulgenza su chi soffia sul fuoco perché tutto bruci.

Home

Occorre "vedere gli altri come persone e non come cose". Lo ha ribadito il card. Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, nell'omelia della messa celebrata nella cattedrale di Bari con i vescovi del Mediterraneo arrivati nel ...

"E' importante che ci sia un rafforzamento del nostro sistema bancario. Un sistema che ha fatto molti passi in avanti, spesso considerato la Cenerentola d'Italia". Lo ha detto il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, ospite di ...

"Non so come finirà, magari Nicola Santangelo e Carmelo Provenzano verranno assolti, ma per questa vicenda dovranno vergognarsi a vita". E il duro atto di accusa del Pm Maurizio Bonaccorso nel Corso della requisitoria al ...

"Adesso Conte sa che noi lavoriamo per dare una mano a risolvere i problemi. Deve farsi carico di dirimere questa questione della prescrizione, non è un problema di Italia Viva o dei singoli componenti di ...

Volare oltre la Manica sara' ancora possibile senza problemi anche nel 2020, nonostante la Brexit, per le migliaia di studenti italiani che sceglieranno il Regno Unito per una vacanza studio. L'uscita dall'Unione Europea, dunque, non ...

"Stiamo gestendo un patrimonio importante che è quello dei dati. È una merce che ci costa apparentemente poco o nulla ma che invece dobbiamo tutelare nel nostro interesse e in quello del singolo". Per farlo ...

L'Etiopia si aspetta dagli Stati Uniti "un sostegno finanziario significativo" per il suo programma di riforme: lo ha sottolineato il primo ministro Abiy Ahmed, in una nota diffusa in coincidenza con la visita ad Addis ...

È il 35enne Daniele Belardinelli l'ultras dell'Inter morto investito da un Suv in via Novara a Milano, dove ieri sera i tifosi neroazzurri hanno attaccato i pulmini dei supporter partenopei. Originario di Varese, ha precedenti ...

"Nel mondo e nel calcio ci vorrebbero sempre educazione e rispetto. No al razzismo e a qualunque offesa e discriminazione". Sono le parole affidate ai social da Cristiano Ronaldo in favore del difensore del Napoli ...

"Siamo di fronte a un atto di negazione della democrazia costituzionale senza precedenti. Non era mai accaduto che neanche una Camera potesse entrare nel merito di un provvedimento". Lo ha detto il deputato di ...

L'APPROFONDIMENTO

'Sto facendo fare delle verifiche a un notaio, ma pare che sia proprio così''. Claudio Baglioni compirà 70 anni il 16 maggio e, in un'intervista a Famiglia Cristiana, ironizza sul suo compleanno, ripercorrendo la sua carriera attraverso i versi delle sue canzoni. ''Non so com'è cominciata - afferma - forse ascoltando una radio. La mia prima maestra di canto è stata una radio a valvole che ho ancora. Per me era come una scatola magica con un occhio che si illuminava di verde quando raggiungeva la sintonia. La pratica poi l'ho fatta quando andavamo a trovare i nostri parenti in Umbria. A volte ci donavano qualche coniglio o qualche gallina e al ritorno in treno, per non farci accorgere della loro presenza, io, mio padre e mia madre cantavamo per tutto il tempo''. I ricordi di Baglioni risalgono agli anni dell'infanzia, al padre ''brigadiere che scrive poesie. Sì, qualcuna l'ha dedicata pure a me. Descriveva la gioia che provava tornando dal turno di notte quando trovava il suo ragazzino che ancora dormiva. Le ho lette molto tempo dopo, anche quando lui non c'era già più''. Il cantautore ricorda anche la madre, citando la sua canzone ''51 Montesacro': ''Era una sarta, e io mentre cuciva andavo da lei. Nell''82, arriva 'Avrai' dedicata alla nascita del figlio Giovanni, anche lui musicista affermato: ''La musica è stata ed è un cemento molto importante nel nostro rapporto. Anche perché non sono stato sempre un padre molto presente''. Ancora, i temi sociali nei pezzi come 'I vecchi', 'Uomini persi', 'Naso di falco' e 'Noi no', quest'ultima, scritta dopo le uccisioni di Falcone e Borsellino, ''era una canzone su un generico desiderio di libertà. Qualche settimana dopo le stragi feci un concerto allo stadio La Favorita di Palermo. Il pubblico prima iniziò a cantare 'Chi non salta un mafioso è' e poi, con mia grande sorpresa, 'Noi no'. La cosa si è ripetuta e ovviamente mi ha fatto molto piacere''. Il cantautore, che per dieci anni hai organizzato a Lampedusa O' Scià, un festival nato per sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema dell'immigrazione clandestina, passa poi a parlare dell'ultimo naufragio nel Mediterraneo: buttare quintali di arance e quando chiedo spiegazioni mi rispondono con la legge della domanda e dell'offerta. Razionalmente lo capisco, ma nel profondo no: vedo solo tanta roba buona che viene distrutta. Di fronte a tante spiegazioni della politica e dell'economia, alzo le mani e confesso di non capire''. Tante volte mi sono chiesto che senso abbia fare un nuovo disco, tanto quelli di prima saranno sempre migliori, perché hanno una storia, perché contengono tutte le vite di chi li ha ascoltati. Ma gli ottimi riscontri che ha ricevuto il mio ultimo album mi hanno rincuorato e mi spronano ad andare avanti. Da un punto di vista umano, ora ho molto netta la sensazione che il futuro che mi aspetta non sia equivalente al passato che ho alle spalle. Alcune cose non torneranno più, se non attraverso i ricordi, attraverso una sana nostalgia. Per il resto, sono ancora un curioso della vita''.