DiventeràBellissima: Spesa Ue 2018, grande risultato governo Musumeci

“L’obiettivo di spesa dei fondi europei raggiunto dal governo Musumeci nel 2018 è un grande risultato. Finalmente la Sicilia anche in questo campo dimostra di poter essere all’altezza delle migliori Regioni italiane e prima tra quelle del Mezzogiorno, dopo anni di immobilismo dimostrati impietosamente dai soli 6 milioni di fondi Ue certificati lo scorso anno”. Ad affermarlo è Alessandro Aricò, capogruppo all’Ars di DiventeràBellissima, che aggiunge: “Finalmente si volta pagina, e questo è solo l’inizio. Grazie anche ai dirigenti regionali, ai loro collaboratori e al ministro del Mezzogiorno per avere creduto nella serietà del nostro governo regionale”.
Per Giusy Savarino, parlamentare all’Ars di DiventeràBellissima: “Nessun bookmaker avrebbe mai scommesso un euro su questa impresa. Riuscire a certificare entro il 31 dicembre una spesa di oltre 700 milioni di euro di fondi europei partendo praticamente da zero sembrava un’impresa impossibile”. Conclude Savarino: “Solo la pervicacia, la perseveranza e il quotidiano lavoro del Presidente Musumeci che ha tenuto alta la tensione su tutti- dirigenti e assessori, funzionari e assistenza tecnica- ha potuto permettere un miracolo. La Sicilia grazie al governo Musumeci torna ad avere dignità e rispetto a Roma e a Bruxelles per il buon lavoro fatto”.
Giuseppe Catania, coordinatore regionale di DiventeràBellissima per la Sicilia occidentale, sottolinea: “Ormai è ufficiale, il governo Musumeci ha superato il target di spesa europea prevista, sembrava un’impresa impossibile. Si partiva da solo 6 milioni certificati dal governo Crocetta per arrivare oggi a ben 714 milioni, suscettibile di ulteriore incremento. Complimenti al nostro Presidente Musumeci e al suo perseverante lavoro. Certo non poteva esserci augurio migliore per i siciliani”.

10notizie.it e’ disponibile a pubblicare i vostri commenti scrivendo a commenti@10notizie.it. Saranno presi in considerazione i testi che non superino i 140 caratteri e che siano corredati da nome e cognome, indirizzo mail e numero di cellulare telefonico. Non saranno oggetto della nostra attenzione i testi contenenti parti offensive, illegali o lesive della dignità personale.