auto

Il mercato dell’usato inizia l’anno in modo positivo. Il mese di gennaio, comunica l’Aci sul sito istituzionale, chiude “con incrementi mensili a due cifre sia nel settore delle autovetture sia in quello dei motocicli, complice anche la presenza di una giornata lavorativa in più rispetto all’analogo mese del 2017”. Aci auto usate
I passaggi di proprietà delle quattro ruote al netto delle minivolture (i trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale) segnano una variazione mensile positiva del 13,7%, che in termini di media giornaliera si trasforma in un aumento dell’8,5% per effetto della giornata lavorativa in più. Per ogni 100 autovetture nuove nel mese di gennaio ne sono state vendute 164 usate.
Anche per i passaggi di proprietà delle due ruote l’incremento è positivo – sempre al netto delle minivolture – hanno messo a bilancio una variazione mensile positiva del 21,9%, (+16,3% in termini di media giornaliera).
Complessivamente per tutti i veicoli nel primo mese del 2018 l’aumento dei passaggi di proprietà, depurati dalle minivolture, si è attestato al 13,6%, che si riduce a +8,4% in termini di variazione giornaliera.
I dati sono riportati nell’ultimo bollettino mensile “Auto-Trend”, l’analisi statistica realizzata dall’Automobile Club d’Italia sui dati del PRA, consultabile sul sito www.aci.it
In forte crescita a gennaio anche le pratiche di radiazione. “Le radiazioni delle autovetture hanno messo a segno un aumento del 34,4% rispetto al mese di gennaio 2017 (+28,3% in termini di media giornaliera), con circa 30mila radiazioni d’ufficio effettuate nel primo mese del 2018 per conto della Regione Lazio (le demolizioni risultano infatti in crescita dell’8% e le esportazioni quasi del 19%). Il tasso unitario di sostituzione a gennaio risulta dunque pari a 1,02 (ogni 100 auto iscritte ne sono state radiate 102), riducendosi tuttavia al netto delle radiazioni d’ufficio ad un valore di 0,84”, si legge nel comunicato Aci.
Crescita record per le radiazioni dei motocicli, che a gennaio 2018 hanno fatto registrare “un incremento dell’86,5% rispetto all’analogo mese del 2017 (+78% la media giornaliera)”. Il bilancio complessivo del primo mese del 2018 evidenzia, per tutti i veicoli in genere, “una crescita delle radiazioni del 39,1%, che scende a 32,8% in termini di variazione giornaliera”.

Il mercato europeo dell’auto continua a correre. A marzo – secondo i dati dell’Acea, l’associazione dei costruttori europei – sono state immatricolate 1.936.839 auto, il 10,9% in più dello stesso mese 2016. Dall’inizio dell’anno le auto vendute sono 4.256.202, con una crescita dell’8,2% sull’analogo periodo dell’anno scorso. Il gruppo Fca ha venduto a marzo in Europa 130.923 auto, il 18,2% in più dello stesso mese 2016, una crescita molto più alta di quella del mercato (+10,8%). Salgono tutti i marchi: Alfa Romeo +45,7 %, Fiat +17,1%, Lancia +15,2% e Jeep +8,5%. Nei primi tre mesi dell’anno le vetture immatricolate dal gruppo sono 303.035, in crescita del 14,6% sull’analogo periodo dell’anno scorso con la quota che sale dal 6,7 al 7,1%.

Al via il Motor Show di Bologna da oggi all’11 dicembre . Duecento gli espositori, 300 auto in mostra, presentate da 43 case automobilistiche, caratterizzano la manifestazione giunta alla 40esima edizione. Dodici le anteprime nazionali. Grande partecipazione degli espositori a cominciare da Fca con tutti suoi brand. Per il lusso, Maserati, Lamborghini, Aston Martin, Bentley, McLaren, Cadillac, Pagani e Tesla. Nell’ambito del Motor Show si terranno convegni dedicati al mondo dell’auto, all’attenzione all’ambiente e alla sicurezza.