Cnn

La ‘voce’, l’autorevolezza e la credibilità della Cnn non si discutono. Come la forza del suo brand nel mondo. E quindi c’è da stare poco allegri se la storica e potente testata si mette a fare la lista delle mete turistiche da preferire in questa calda stagione estiva. E così accade, fra le altre cose, che Torino possa prevalere su Venezia. E chi lo avrebbe mai detto? Questo uno degli effetti della classifica delle venti più belle città europee da visitare stilata dal network a stelle e strisce. Così tra luoghi come Orange in Francia, Sarajevo in Bosnia, Ankara in Turchia, la Cnn inserisce anche Torino, considerata come un’alternativa a Venezia per tutti quei turisti che non amano i luoghi invasi da turisti. Questo il consiglio by Cnn “La vicina Torino è meno congestionata. Il capoluogo del Piemonte è anche la città dove si trovano i luoghi più sottostimati d’Italia, tra questi il museo di arte contemporanea del Castello di Rivoli, la Basilica di Superga e il Museo Egizio, con la sua fenomenale collezione di reperti egizi”. E sempre secondo la Cnn, oltre alle bellezze artistiche si può anche semplicemente sorseggiare un caffè all’aperto, deliziarsi con una delle migliori cucine italiane oppure godersi il semplice fatto di essere lontani dalle orde di turisti delle destinazioni più popolari d’Italia. Che dire? Torino-Venezia 1-0. Con buona pace per gli amanti delle gondole, degli amanti del Ponte di Rialto e di piazza San Marco.

“Pino Maniaci e’ stato uno dei pochi ad avere avuto il coraggio di denunciare la mafia in Sicilia”. La Cnn dedica al direttore di Telejato un lungo servizio pubblicato sulle sue pagine on line, un servizio dove ricostruisce la vicenda di Maniaci finito sotto inchiesta a sua volta per estorsione ai danni di un amministratore locale. “He goes after the mob; now he’s the target”, ha perseguitato la mafia, ora e’ lui il bersaglio, scrive il reporter Joel Labi, in una lunga inchiesta nella quale compare anche una intervista video intitolata “The Mafia Hunter”, “Il Cacciatore di mafiosi”. “Il reporter Pino Maniaci – scrive la Cnn – e’ stato una delle poche persone a denunciare pubblicamente la mafia in Sicilia”. Maniaci, sottolinea l’influente emittente televisiva statunitense, “ha usato la sua piccola televisione fatta in casa per combattere il crimine organizzato” da allora “e’ diventato bersaglio a sua volta”. Parola anche ad Antonio Ingroia, legale di Maniaci: “non ho mai visto niente di simile nei miei vent’anni come magistrato e avvocato”, afferma l’ex pm. “Si sta utilizzando un video (quello delle intercettazioni ambientali, ndr) per distruggere un uomo di televisione…” Non e’ la prima volta che la storia di Maniaci finisce sulla stampa internazionale. In passato anche The Guardian e l’Economist hanno dedicato spazio al direttore di Telejato.