Rai Radio1: ‘Falcone me lo ricordo’. Racconti e testimonianze sul magistrato ucciso da Cosa Nostra

“Il 1992 è stato il nostro 11 settembre. Per l’entità del danno che il nostro Paese ha subito e perché quello che Falcone e Borsellino avevano fatto in vita non ha metro di paragone”. Così Francesco La Licata, giornalista e scrittore, amico del magistrato palermitano, commenta le 5 puntate di “Falcone, me lo ricordo” in programma da lunedì 15 a venerdì 19 maggio alle 16.05 all’interno della trasmissione di Rai Radio 1 “Restate Scomodi” condotta da Eleonora Belviso e Francesco Graziani. Il giornalista narrerà le vicende e la solitudine del giudice ucciso, l’amicizia e il lavoro con Paolo Borsellino, i drammi di quella stagione e delle vittime di Cosa Nostra fino al giorno della strage di Capaci.
La testimonianza di Francesco La Licata è stata raccolta da Mario Vitanza, curatore di “Restate Scomodi”. In vista del 23 maggio, anniversario della strage, le principali trasmissioni di Radio 1 ricorderanno il magistrato ucciso da Cosa Nostra. Mercoledì 17, alle 10,30, se ne occuperà “La radio ne parla”, condotto da Ilaria Sotis, in diretta dalla sede della Direzione nazionale antimafia. Venerdì 19, alle 8,30 “Radio anch’io”, condotto da Giorgio Zanchini, trasmetterà stralci di un dibattito del 1991 in cui Giovanni Falcone parlava di “Stato e mafia”. Tra il 22 e il 23 maggio si aggiungeranno “Voci del mattino” alle 6, condotto da Paolo Salerno; “Italia sotto inchiesta”, alle 18, condotto da Emanuela Falcetti, e “Zapping”, alle 19,30, condotto da Giancarlo Loquenzi. Il 23 maggio Radio 1 seguirà la cronaca delle celebrazioni, in diretta da Palermo, con “Radio anch’io” e “La Radio ne parla” a partire dalle 8,30.

10notizie.it e’ disponibile a pubblicare i vostri commenti scrivendo a commenti@10notizie.it. Saranno presi in considerazione i testi che non superino i 140 caratteri e che siano corredati da nome e cognome, indirizzo mail e numero di cellulare telefonico. Non saranno oggetto della nostra attenzione i testi contenenti parti offensive, illegali o lesive della dignità personale.