Falcone: studenti in corteo per le vie di Palermo

Studenti da tutta Italia, arrivati in Sicilia anche con la ‘nave della legalità’, oggi parteciperanno ai cortei per le strade di Palermo per le celebrazioni del XXV anniversario delle stragi di Capaci e via D’Amelio che si concluderanno sotto l’albero Falcone dove, alle 17.58, ora della strage di Capaci, verra’ suonato il Silenzio dal trombettiere della Polizia di Stato. La commemorazione, prima di questo momento solenne a cui parteciperanno le autorità, sarà animata da artisti, tra cui Giuliano Sangiorgi dei Negramaro ed Ermal Meta. Nei due attentati di Capaci e vai D’Amelio persero la vita i giudici Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e gli uomini e le donne delle loro scorte, Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Rocco Dicillo, Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi, Antonio Montinaro, Vito Schifani, Claudio Traina. Gli studenti protagonisti della manifestazione #PalermoChiamaItalia parteciperanno ai due cortei che attraverseranno i principali luoghi della memoria della citta’. La partenza e’ prevista alle 15.30 dall’Aula Bunker e alle 16.00 da Via d’Amelio. I due cortei si uniranno sotto l’albero Falcone in via Notarbartolo alle 17.00. La Giornata del 23 maggio prevede iniziative anche nelle principali piazze delle regioni italiane, grazie al contributo dei “Tavoli della Legalita’”, gruppi di lavoro regionali nati dalla collaborazione tra il ministero dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca (Miur), il Consiglio Superiore della Magistratura (Csm), l’Autorita’ Nazionale Anticorruzione (Anac), l’Associazione Nazionale Magistrati (Anm) e gli istituiti scolastici con l’obiettivo di attuare programmi regionali di educazione alla legalita’ e alla corresponsabilita’.

10notizie.it e’ disponibile a pubblicare i vostri commenti scrivendo a commenti@10notizie.it. Saranno presi in considerazione i testi che non superino i 140 caratteri e che siano corredati da nome e cognome, indirizzo mail e numero di cellulare telefonico. Non saranno oggetto della nostra attenzione i testi contenenti parti offensive, illegali o lesive della dignità personale.