cultura

Anime dannate o più semplicemente in preda alla follia amorosa come l’Orlando Innamorato al Palazzo Ducale di Sassuolo, statue di folli e sanguinari imperatori, come Caligola al Museo Nazionale Romano: sono alcune delle opere scelte dal Ministero dei beni culturali (Mibact) nei musei statali per questo mese di novembre, al fine di coinvolgere i visitatori in un reportage fotografico che abbia come tema dominante il genio, l’arte e la follia. arte musei
Le immagini si potranno condividere sui social con l’hashtag #follianellarte e #novembrealmuseo. Cerca le opere nei musei e condividile sui social è l’invito del Ministero dei beni e delle attività culturali e del Turismo.

MUSEI: ARTE TRA GENIO E FOLLIA. ECCO I CAPOLAVORI:

Tra i capolavori scelti dal Mibact: la pazzia suicida di Ofelia dipinta da Gioacchino Toma alla Galleria Nazionale della Puglia, quella scolpita da Arturo Martini a Brera, l’autoritratto del genio folle di Ligabue agli Uffizi di Firenze, il ritratto di Erasmo da Rotterdam, autore dell’Elogio della Follia, conservato a Palazzo Barberini, la statua che immortala il mito di Crono che divora i suoi figli, alla Galleria Spada, e ancora la follia fratricida in Caino e Abele di Tintoretto, Commodo al Mann di Napoli, la Pazza di Giacomo Balla alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, La Folle del trittico Le tre sorelle Amedeo Bocchi del Complesso de La Pilotta a Parma. Tutte le informazioni sull’iniziativa e le locandine sono disponibili sul sito www.beniculturali.it/novembrealmuseo.

“Valorizzare il ruolo della cultura per sviluppare un’identità mediterranea che sia rispettosa della multiformità delle nostre società, che promuova la diversità e che favorisca così le condizioni di sicurezza nel Mediterraneo”. È questo, come riferisce una nota del ministero, nelle parole del ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Angelino Alfano, l’obiettivo di “Italia, Culture, Mediterraneo” programma culturale che il MAECI, attraverso la sua rete all’estero, realizzerà nel 2018 nei Paesi dell’area del Medio Oriente e del Nord Africa (MENA), e che sarà presentato lunedì 23 ottobre a Palazzo dei Normanni a Palermo, alla vigilia della Conferenza Mediterranea dell’OSCE, che l’Italia presidierà il 24 e 25 ottobre. “Quando abbiamo deciso di organizzare la Conferenza dell’Osce qui a Palermo, – ha detto il titolare della Farnesina – ci siamo resi conto che avevamo un’opportunita’ straordinaria per associare alla discussione sulla sicurezza una proposta di programma culturale nel Mediterraneo. Perche’ non ci possono essere stabilita’, sicurezza e pace, senza valori condivisi e il rispetto della cultura del vicino”. Per il ministro, “La Sicilia, per la sua storia, dove Arabi e Normanni hanno formato un fondamentale modello di integrazione sociale e di tolleranza religiosa tra popoli diversi puo’ essere il laboratorio dove si puo’ discutere di un nuovo futuro per le due sponde del Mediterraneo”.

Il Sistema Produttivo Culturale e Creativo, fatto da imprese, PA e non profit, genera 89,9 miliardi di euro e muove altri settori dell’economia per un totale di 250 miliardi. È quanto emerge dal Rapporto 2017 ”Io sono cultura – l’Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi”, elaborato da Fondazione Symbola e Unioncamere, con il sostegno della Regione Marche e di Sida Group, presentato oggi a Roma. La ricchezza prodotta dalla cultura si riflette anche sull’occupazione: il solo Sistema Produttivo Culturale e Creativo, prosegue il rapporto, dà lavoro a 1,5 milioni di persone (quasi 22mila unità in più del 2015), che rappresentano il 6% del totale degli occupati in Italia. Nel complesso quello produttivo culturale e creativo è un sistema con il segno più: nel 2016 ha prodotto un valore aggiunto superiore rispetto all’anno precedente (+1,8%), sostenuto da un analogo aumento dell’occupazione (+1,5%).

Alle ore 12, nella sala di rappresentanza dell’Auditorium Rai Arturo Toscanini, a Torino, viene presentata la Stagione 2017 – 2018 dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai. Interverranno: Silvia Calandrelli, direttore di Rai Cultura; James Conlon, Direttore principale dell’orchestra; Ernesto Schiavi, Direttore artistico dell’orchestra, e Paola Carruba, Sovrintendente dell’orchestra. -Alle 11,30, a Reggio Emilia, nella sede della Fondazione Nazionale della Danza, in via della Costituzione, 39, si tiene la presentazione di ‘Kandinsky?Cage: Musica e Spirituale nell’Arte’. Interverranno: Luca Vecchi, Sindaco di Reggio Emilia; Giammaria Manghi, Presidente della Provincia di Reggio Emilia; Davide Zanichelli, Presidente della Fondazione Palazzo Magnani; Martina Mazzotta, curatrice della mostra; Paolo Repetto, Presidente Comitato scientifico della mostra, e Michele Porzio, autore nel catalogo della mostra. -Alle 11,30 nel Teatro Parioli di Roma viene presentata la Stagione 2017/2018 del teatro stesso. Saranno presenti gli attori protagonisti degli spettacoli che saranno in scena nella prossima stagione. -Alle 16, nella Basilica di San Gennaro extra moenia a Napoli, presso l’Ospedale San Gennaro, vine presentata la mostra fotografica ‘Il principe della risata nel cuore della città’, a cura di Augusto Petito ed Eleonora Ferraro. Dedicato al Totò sul set tra il 1949 ed il 1967, l’allestimento, aperto fino al 6 luglio, per la prima volta in mostra le fotografie del Fondo Cinema – Archivio Storico Fondazione 3M.

“L’Italia e’ un paese meravigliosamente ricco di cultura, di storia, di una civilta’ millenaria, spetta a noi, ciascuno nel proprio settore di competenza, alla sua valorizzazione e custodia”. Lo ha detto il presidente del Senato, Pietro Grasso nella sala Zuccari di Palazzo Giustiniani, nel suo indirizzo di saluto alla lectio magistralis del professor Claudio Marazzini, presidente dell’accademia della Crusca, “Italiano oggi e domani: lingua e cultura nella nazione internazionale”. “Prendere consapevolezza di questo patrimonio di conoscenza costituisce un impegno civico di tutti i cittadini che di questa immensa ricchezza devono imparare a conoscere i valori. Dobbiamo imparare a conoscere la cultura come una vera e propria risorsa, un valore aggiunto per lo sviluppo e la conservazione del Paese. Un bene che, se correttamente gestito, anche dalla politica, puo’ produrre ricchezza, offrire posti di lavoro, far conseguire ad una comunita’ intera l’eccellenza. Dobbiamo imparare a sfruttare al meglio le nostre risorse culturali” promuovendo anche una virtuosa collaborazione fra pubblico e privato, ha detto ancora. “In questa direzione va anche la normativa comunitaria che ha inserito il patrimonio culturale fra i temi prioritari dell’agenda digitale europea e del programma quadro per la ricerca e l’innovazione”, ha ricordato. L’italiano, ha anche sottolineato, e’ “il cuore pulsante della nostra identita’, volano della cultura e delle tradizioni della nostra comunita’. Un bene anche questo da preservare e valorizzare”.

Cultura e prevenzione strumenti indispensabili per contrastare un fenomeno, quello sulla violenza sulle donne, che non sembra spegnersi, nonostante l’opera di sensibilizzazione culturale e l’intervento delle forze dell’Ordine. Questi i dati: ogni tre giorni e mezzo avviene in media l’omicidio di una donna in ambito familiare o comunque affettivo, mentre ogni giorno, sempre ai danni di donne, si registrano 23 atti persecutori, 28 maltrattamenti, 16 episodi di percosse, 9 di violenze sessuali. Questi più in dettaglio i dati di tutte le forze di polizia: – gli omicidi di donne in ambito familiare sono stati 117 nel 2014, 111 nel 2015, 108 nel 2016; gli atti persecutori (circa il 76% in danno delle donne) 12.446 nel 2014, 11.758 nel 2015, 11.400 nel 2016; i maltrattamenti in famiglia (circa l’81% in danno delle donne) 13.261 nel 2014, 12.890 nel 2015, 12.829 nel 2016; le percosse (circa il 46% in danno delle donne) 15.285 nel 2014, 15.249 nel 2015, 13.146 nel 2016; le violenze sessuali (oltre il 90% in danno delle donne) 4257 nel 2014, 4000 nel 2015, 3759 nel 2016. Oltre alla tutela offerta dalla legge, che va dagli strumenti dell’ammonimento al divieto di avvicinamento fino ai domiciliari e al carcere per i casi più gravi, la battaglia più importante si gioca sul campo della prevenzione in cui la Polizia di Stato è impegnata, non solo nel contribuire attraverso l’informazione al superamento di una mentalità di sopraffazione, ma a fare da sentinella per intercettare prima possibile comportamenti violenti e intimidatori. Riparte nel giorno di San Valentino la campagna della Polizia di Stato “…questo non é amore” che prevede in tutte le province italiane camper, pullman, gazebo e altri momenti d’incontro per rompere l’isolamento e il dolore delle vittime di violenza di genere. “Se ti ricatta … non è amore. Se minaccia te o i tuoi figli … non è amore. Se ti isola, umilia, offende …non è amore. Se ti perseguita con mail e sms ossessivi ….non è amore. Se ti prende con violenza quando non vuoi … non è amore. Se ti chiede “l’ultimo appuntamento” …non è amore. Se ti uccide …non è amore”.

E’ Palermo la capitale italiana della cultura per il 2018. Lo ha annunciato il ministro dei Beni culturali e del Turismo Dario Franceschini ieri al Mibact. Palermo ha superato la concorrenza di Alghero, Trento, Ercolano, Aquileia, Settimo Torinese, Montebelluna, Recanati Comacchio e l’Unione dei Comuni Elimo Ericini. “Abbiamo vinto tutti, perche’ siamo stati capaci ognuno per il proprio impegno a narrare le bellezze dei nostri territori”, ha detto il sindaco Leoluca Orlando. La cifra culturale piu’ significativa – e che rivendichiamo e’ la cultura dell’accoglienza. Noi rivendichiamo il diritto di ogni essere umano di essere e restare diverso, ma di essere e restare uguale”. L’Unione dei Comuni Elimo Ericini (Buseto Palizzolo, Custonaci, San Vito lo Capo, Erice, Valderice, Paceco). ha annunciato: “Collaboreremo con Palermo, svilupperemo un progetto insieme”. Il primo di marzo si terrà una conferenza stampa nei Comuni Elimo Ericini alla presenza di Leoluca Orlando.”Essere riusciti a entrare nella short list delle prime dieci candidate è comunque un buon risultato e una bella soddisfazione. Faremo comunque tesoro del metodo di lavoro che ci ha portato a disegnare un progetto unitario sull’intero Agro ericino, senza distinzione di campanili, e con questa nuova visione territoriale realizzeremo ugualmente il progetto culturale che abbiamo pensato”, ha dichiarato .Giuseppe Bica, sindaco di Custonaci e vice presidente dell’Unione dei Comuni Elimo Ericini.

In Gazzetta ufficiale è stato pubblicato il decreto attuativo del presidente del Consiglio dei ministri del bonus cultura di 500 euro riservato ai diciottenni e previsto dall’ultima legge di Stabilità. Il bonus stanziato dal Governo è destinato, a partire dal 15 settembre 2016, a coloro che sono nati nell’anno solare 1998 ed hanno compiuto 18 anni. Il regolamento prevede che per accedere al bonus sarà necessario richiedere l’attribuzione della identità digitale attraverso il Sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale di cittadini e imprese (Spid). Il credito potrà essere utilizzato per assistere a rappresentazioni teatrali, cinematografiche e spettacoli dal vivo; per l’acquisto di libri e per accedere a musei, monumenti, parchi naturali e aree archeologiche, mostre ed eventi culturali.

“In continuita’ con l’intervento dello scorso anno anche questa manovra di bilancio contiene misure straordinarie e di grande portata per la cultura e il turismo. Confermato anche per il 2017 il bonus cultura di 500 euro per i 18enni, nel settore turismo esteso il bonus ristrutturazioni alla riqualificazione di hotel e strutture ricettive, possibilita’ per i musei e gli istituti autonomi del Mibact di avvalersi di esperti per rafforzare le attivita’ di valorizzazione e migliorare la fruizione culturale e un piano strategico da 50 milioni per il rafforzamento delle attivita’ degli istituti di cultura all’estero. Infine, nell’ambito del nuovo fondo unico per le assunzioni della P.A, troveranno spazio le indispensabili assunzioni di nuovo personale al Mibact, sia per i profili specializzati (archeologi, storici dell’arte, architetti, bibliotecari, archivisti etc) che di amministrativi”. Cosi’ il ministro dei beni e delle attivita’ culturali e del turismo, Dario Franceschini sintetizza alcune delle principali misure contenute nella legge di bilancio sottolineando che ‘anche per il 2017 il bilancio del Mibact e’ in aumento”.

“Ha ragione Matteo Renzi: solo dalla cultura e dai valori e ricchezza del suo patrimonio culturale, materiale e immateriale, l’Europa potra’ risorgere e avere il suo ruolo nel mondo. Annunciarlo a Ventotene con Merkel e Hollande assume un significato fortemente simbolico ed evocativo”. Lo ha detto l’europarlamentare Silvia Costa, presidente della commissione Cultura del Parlamento europeo a proposito della proposta del premier in vista dell’incontro a Ventotene con Angela Merkel e Francois Hollande. “È importante che il Governo italiano sostenga la battaglia da noi condotta in Parlamento europeo perche’ il Piano di investimenti Junker, che finalmente intende rilanciare l’economia e lo sviluppo, sostenga il patrimonio culturale oltre alle industrie culturali e creative (finora peraltro poco presenti nei progetti nazionali e nell’azione della Banca europea degli investimenti) anche attraverso la previsione di significativi interventi mirati a valorizzare luoghi, siti e anche infrastrutture e servizi ai settori culturali e creativi, attraendo investimenti pubblici e privati con risorse che siano escluse dal patto di stabilita’”. Inoltre, conclude l’europarlamentare, e’ “significativo che la Rai abbia aderito alla mia richiesta di ritrasmettere in prima serata la fiction ‘Un mondo nuovo’, dedicato alla nascita del Manifesto di Ventotene di Altiero Spinelli, che abbiamo ospitato in Parlamento europeo durante la presidenza italiana. E per questo, con il collega Luigi Morgano, abbiamo chiesto alla Commissione di istituire e finanziare nel 2017 cattedre intitolate ad Altiero Spinelli, in occasione delle celebrazioni dei 60 anni dei Trattati di Roma”.